Le vendite globali di smartphone diminuiscono del 20% nel primo trimestre 2020



La pandemia di Covid-19 ha avuto un impatto negativo sull’economia globale. L’industria degli smartphone non è estranea a questo effetto. Ora, una nuova relazione descrive in dettaglio l’impatto che la pandemia in corso ha avuto sul settore mobile.

Secondo un rapporto di Gartner, le vendite globali di smartphone sono diminuite di un record del 20,2% nel primo trimestre del 2020. “La pandemia di coronavirus ha causato il mercato globale degli smartphone a sperimentare il suo peggior declino mai … La maggior parte dei principali produttori cinesi e Apple sono stati gravemente colpiti dalle chiusure temporanee delle loro fabbriche in Cina e dalla riduzione della spesa dei consumatori a causa del rifugio globale sul posto”, ha dichiarato Anshul Gupta, analista di ricerca senior di Gartner in una dichiarazione.

Tutti i primi cinque fornitori di smartphone, tra cui Samsung, Huawei, Apple, Xiaomi e Oppo, hanno registrato un calo nel primo trimestre dell’anno. Anche se le vendite di smartphone di Samsung sono diminuite del 22,7% nel primo trimestre 2020, ha mantenuto comunque il primo posto con il 18,5% della quota di mercato. Nello stesso periodo dell’anno scorso la società aveva comandato una quota di mercato del 19,%.

Il rapporto rileva che Huawei, di tutte le aziende, è stato il più colpito in termini di vendite. Le vendite di smartphone Huawei sono scese a 42,5 milioni di unità, con un calo del 27,3% rispetto all’anno precedente. Nonostante ciò, Huawei ha mantenuto il secondo posto nel mercato globale degli smartphone con una quota di mercato del 14,2%. “Ha sviluppato l’ecosistema Huawei Mobile Service (HMS), ma con la mancanza di popolari applicazioni Google e Google Play Store, Huawei è improbabile che attirare nuovi acquirenti di smartphone nei mercati internazionali,”Ha aggiunto Gupta.

Venendo ad Apple, le vendite di iPhone dell’azienda sono diminuite dell’8,2%, per un totale di 41 milioni di unità nel primo trimestre del 2020. È interessante notare che, nonostante un calo delle vendite di iPhone, Apple è riuscita a ottenere prestazioni migliori rispetto all’anno scorso. Apple ha conquistato una quota di mercato dell’11,9% nel primo trimestre 2019. Questo è aumentato al 13,7% nel primo trimestre 2020.

“Apple ha avuto un forte inizio d’anno grazie alla sua nuova linea di prodotti che ha visto un forte slancio a livello globale. Se COVID-19 non fosse accaduto, il venditore avrebbe probabilmente visto le sue vendite di iPhone raggiungere un livello record nel trimestre… La capacità di Apple di servire i clienti attraverso i suoi negozi online e la sua produzione tornando a livelli quasi normali alla fine di marzo ha contribuito a recuperare alcuni dei primi slancio positivo”, ha dichiarato In una dichiarazione Annette Eimmermann, vicepresidente della ricerca presso Gartner.

Xiaomi, d’altra parte, è stato meno colpito dalla pandemia. L’azienda aveva venduto 27.424 milioni di unità nel primo trimestre 2020. Ha venduto 27.817 milioni di unità nel primo trimestre 2020. Inoltre, la quota di mercato della società è aumentata dal 7,3% nel primo trimestre 2019 al 9,3% nel primo trimestre 2020.

Le vendite di smartphone di Oppo sono diminuite del 19,1% nel primo trimestre del 2020. L’azienda ha venduto 23.949 milioni di unità nel primo trimestre 2020 rispetto alle 29.589 milioni di unità dello stesso periodo dell’anno scorso.