Schema PLI un “game changer” per la produzione mobile: ICEA



Chiamando lo schema di incentivi legato alla produzione un “game changer”, l’industria India Cellular and Electronics Association martedì ha affermato che lo schema contribuirà a stimolare la crescita nella produzione di telefoni cellulari in India e a raggiungere gli obiettivi di esportazione assegnati ai sensi della politica nazionale sull’elettronica (NPE 2019).

“Questo schema è un punto di svolta per la nazione e l’industria”, ha dichiarato Pankaj Mohindroo, Presidente dell’ICEA, in una dichiarazione.

Martedì il ministro dell’Unione per l’elettronica e l’IT Ravi Shankar Prasad ha lanciato tre importanti programmi per incrementare la produzione di elettronica nel paese.

Il ministro ha lanciato il Production Linked Incentive Scheme (PLI) per la produzione elettronica su larga scala, il Scheme for Promotion of Manufacturing of Electronic Components and Semiconductors (SPECS) e il Sistema EMC 2.0 ( Modified Electronics Manufacturing Clusters), approvati dal Gabinetto dell’Unione nel mese di marzo.

I tre schemi comporterebbero un esborso di circa 50.000 persone.

Secondo il ministero dell’IT, la produzione di elettronica in India è cresciuta da 29 miliardi di dollari nel 2014 a 70 miliardi di dollari nel 2019.

La crescita della produzione di telefonia mobile in particolare è stata notevole in questo periodo.

Da due fabbriche di telefonia mobile nel 2014, l’India è diventata il secondo più grande produttore di telefonia mobile al mondo, ha detto il Ministero dell’IT.

La produzione di telefoni cellulari nel 2018-19 ha raggiunto 29 unità di crore del valore di 1,70 dollari lecho da solo sei unità crore del valore di 19.000 dollari nel 2014.

I tre nuovi schemi presentati martedì dovrebbero attirare investimenti sostanziali, aumentare la produzione di telefoni cellulari e dei loro componenti a circa 10 euro di lakh nel 2025 e generare