Questo è il ventilatore Fitbit per i pazienti affetti da Covidi-19



Fitbit sta facendo molto di più che fare smartwatch e braccialetti fitness quest’anno. Per aiutare le persone colpite da Covid-19, l’azienda ha realizzato un ventilatore. Questo ventilatore “di alta qualità, a basso costo e facile da usare” chiamato Fitbit Flow è certificato da Emergency Use Authorisation (EUA) della Food & Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti. Si dice che questo nuovo prodotto sia ispirato al MIT E-Vent Design Toolbox e si basi sulle specifiche per i sistemi di ventilazione rapidamente prodotti. Fitbit dice che ha anche lavorato con i medici di medicina di emergenza Oregon Health & Science University presso l’OHSU Hospital, quindi Fitbit Flow è in grado di soddisfare le esigenze dei professionisti.

“COVID-19 ha sfidato tutti noi a spingere i confini dell’innovazione e della creatività e a utilizzare tutto ciò che è a nostra disposizione per sviluppare più rapidamente prodotti che supportano i pazienti e i sistemi sanitari che si prendono cura di loro”, ha dichiarato James Park, co-fondatore e CEO di Fitbit. “Abbiamo visto l’opportunità di raccogliere le nostre competenze nello sviluppo avanzato di sensori, nella produzione e nella nostra catena di fornitura globale per affrontare il bisogno critico e continuo di ventilatori e contribuire a fare la differenza nella lotta globale contro questo virus.”

Leggi anche: Fitbit annuncia uno studio su larga scala per identificare la fibrillazione atriale

Fitbit Flow dispone di sacchetti di rianimazione standard, simili a quelli utilizzati dai paramedici, insieme ad altri sofisticati strumenti, sensori e allarmi. Questi lavorano insieme per supportare compressioni automatizzate e monitoraggio dei pazienti.

Fitbit si propone di fornire dispositivi medici ai sistemi sanitari in tutto il mondo nei prossimi giorni e settimane. E ‘anche in colloqui con le agenzie statali e federali “per capire le attuali esigenze domestiche per ventilatori di emergenza e prevede di lavorare con le organizzazioni di aiuto degli Stati Uniti e globale pure.”